Quale aiuto da una psicoterapia

DiDott. Vincenzo Vannoni

Quale aiuto da una psicoterapia

Condividi

VoltiRivolgersi a uno psicoterapeuta è una decisione che arriva dopo un periodo di disagio personale caratterizzato dalla sensazione di non trovare beneficio nello svolgimento delle attività della propria vita e all’interno delle relazioni in cui si è coinvolti: affettive, lavorative, amicali.

Spesso questo disagio è accompagnato da sintomi anche evidenti, che si manifestano come disturbi a carico del nostro organismo o come comportamenti non funzionali e che rendono ulteriormente doloroso il quotidiano. Chiedere aiuto e iniziare una significa decidere di conoscere meglio se stessi, accettare di mettersi in discussione per riuscire a stare meglio, avvicinarsi alla propria sofferenza e con coraggio trasformare questa esperienza in risorsa.

La relazione tra paziente e terapeuta è uno dei fattori determinanti nell’andamento del lavoro psicoterapeutico. L’ caratterizza questa relazione e appoggia sulla predisposizione del paziente di mettersi in gioco e di affidarsi ad un “esperto” ed alla capacità di ascolto dello psicoterapeuta. In tutti i vari tipi di psicoterapia ritroviamo alcuni elementi comuni.

Lo psicoterapeuta si impegna in un rapporto intenso, di confidenza con la persona che si aiuta, carico di emotività. Il paziente, che spesso è sconcertato e confuso dalla propria esperienza si appoggia sulla fiducia che il trattamento, e le sue fondamenta logiche e teoriche, possano essergli di aiuto, e sulla speranza di essere aiutato. La relazione paziente terapeuta produce una facilitazione dell’attivazione emotiva, che porta ad una scoperta dei sentimenti centrali della propria esperienza e della loro importanza in relazione ai propri problemi.

La psicoterapia affronta gli aspetti patologici della sfera psichica dell’esistenza ma non deve essere vista come inevitabilmente legata al concetto di patologia. Un intervento psicoterapeutico è certamente un trattamento che vuole risolvere una condizione di disagio vissuta penosamente ma deve essere considerata come una possibilità e un’occasione di arricchimento e riscoperta delle proprie potenzialità, una maggiore capacità di introspezione, di conoscenza di sé. Avanzare una richiesta di aiuto, all’inizio anche confusa e incerta, fare con pazienza anche il lavoro di scoperta di questa domanda, accogliere nuovi vertici di osservazione delle proprie esperienze di vita, apre ad un’altra consapevolezza di sé, alla possibilità di altri modi di entrare in rapporto con il mondo e gli altri.

 

Info sull'autore

Dott. Vincenzo Vannoni administrator

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi